Gli UNIVERSI MINIMI hanno colpito la redazione di Fotografare che ha pubblicato questo portfolio, con l’articolo sottoriportato , nella rivista di Giugno 2013

Mi chiamo Adriano Mascherin abito a Fiume Veneto (PN) e da molti anni la fotografia rappresenta il mio hobby principale con interesse alle riprese paesaggistiche e alla macrofotografia sia naturalistica che astratta, il lavoro che presento riguarda proprio quest’ultima. La macrofotografia ha espanso il limite della vista facendomi scoprire un altro mondo, quello degli “UNIVERSI MINIMI”. Mentre esploravo fiori, foglie, insetti la fantasia e la curiosità mi hanno stimolato a cercare immagini sempre più affrancate dai vincoli di un soggetto immediatamente riconoscibile ecco che così ho iniziato a dar vita io stesso a nuovi “UNIVERSI MINIMI”. Come uno stregone che prepara pozioni magiche, utilizzando un piatto trasparente, acqua, olio, colori concentrati, sapone e sfondi di vari colori ho dato vita a nuovi mondi. La miscela di elementi colorati si muove in modo incontrollato secondo le leggi dell’entropia  o in seguito a movimenti da me indotti, formando effimere forme che poi catturo nelle immagini. Ecco venire alla luce rappresentazioni che con un po’ di fantasia possiamo associare a soggetti riconoscibili oppure considerare proiezioni di aspirazioni fantastiche o evasioni oniriche di arcani mondi che popolano il nostro inconscio. Ogni scatto è irripetibile perché i soggetti sono generati dalla casualità delle infinite combinazioni e pertanto bisogna cogliere l’istante di queste geometrie astratte ed effetti cromatici che esaltano il fascino del mistero.

Ecco che con pochi elementi ho potuto viaggiare stando fermo esplorando galassie, nebulose, mondi, fondali marini, praterie spaziali e figure , forme misteriose . Ogni volta che mi appresto ad un viaggio negli UNIVERSI MINIMI non so esattamente cosa vedrò, ma so che sarà una sorpresa esplorativa continua.

 

Le immagini inviate sono state realizzate con corpo macchina Nikon D90 e D800, ottica Nikkor105mm micro, illuminazione con 2 o 3 flash wireless, in genere 2 laterali e uno per lo sfondo in trasparenza, rapporto di ingrandimento tra 0,5 e 1x.

 


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.