Anche quest’anno dedico il mio calendario alla montagna, visto che è il luogo che frequento di più e dove ho potuto vivere emozioni profonde alla vista degli scenari che mi sono presentati davanti durante le mie escursioni che alcune volte erano mirate al risultato fotografico. Certo che per ottenere alcuni di questi ho dovuto fare delle levatacce, salire i monti di notte per essere in vetta nel momento magico dell’alba oppure discendere al buio dopo aver colto gli ultimi barbagli di luce della giornata ma, ne è quasi sempre valsa la pena se non altro per le situazione desuete che ho vissuto assaporando tutte le sfumature di una giornata piena in montagna. E’ stato difficile scegliere tra centinaia di scatti quelli per il calendario e spero che questi siano di vostro gradimento.

Nell’ambiente montano ci sono molte meraviglie e i fiori sono una di queste; è incredibile la varietà di forme e colori con cui si presentano e si rimane incantati a osservarne la struttura e le strategie di impollinazione e di distribuzione dei semi che solo la fantasia della natura ha saputo creare. Meritavano un calendario tutto loro e penso che prima o poi lo farò anche se i mesi sono pochi e la selezione sarà in ogni caso ingiusta. Per il momento vi propongo questa sequenza.

Chi desidera vedere altre immagini sulla montagna, può visitare il mio sito www.adrianomascherin.it . Insieme a mia moglie Daniela Vi auguriamo di vivere con intensità, gioia e anche con spirito di avventura cogliendo gli aspetti più significativi e profondi dello spazio temporale definito come 2016.  Non rimandate a domani quello che potete fare oggi!!!

La montagna più alta rimane sempre dentro di noi.

Walter Bonatti.

 


 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.