Un verso della poesia di Ungaretti “O notte” recita così dando con due parole il senso di questa stagione del distacco in cui la natura perpetua il suo ciclo e suscita nell’uomo il sentimento del tempo, al cui dominio non può sfuggire. Mentre la natura, conscia del perpetuarsi delle stagioni, si accomiata temporaneamente con un esplosione di colori, l’uomo pensa alla propria esistenza e alla caducità della stessa. Intanto però godiamoci questo spettacolo dove le piante, foglie sembrano fare a gara per mettersi in mostra ed attirare la nostra attenzione.


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.